Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 ordine


delle intere giornate. La nostra mente è come una macchina: una volta datole l’impulso va va senza mai fermarsi, ma se si arriva a fermare, prima di ritornarla ad avviare ci vuole molta fatica e molto tempo.

Ricordatevi che l’ordine deve regnare sovrano nella vostra casa, egli solo vi fa regnare la pace, accrescere le vostre sostanze, e moltiplicare il vostro tempo. Sono soltanto i disordinati, che trovano i cassetti troppo stretti, le giornate troppo brevi e le case troppo piccole, e non hanno mai tempo e mai posto per nulla. Essi si compiacciono di stare in mezzo alla confusione come certi animali in mezzo al sudiciume; e perchè hanno udito raccontare che qualche grand’uomo era disordinato, credono che il disordine sia l’attributo del genio e indizio di superiorità; perciò li vedrete sempre in mezzo a cataste di libri, ad un arruffìo di quaderni, ad una confusione di giornali di tutte le foggie e di tutti i colori; nei loro cassetti vedrete riunite le penne ai pettini ed alle cravatte, e spesso