Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ordine 187


sul medesimo scaffale alcuni libri scientifici si meraviglieranno di trovarsi in società con un paio di stivali o con un cappello a cilindro, e avranno sempre intorno a loro una babilonia da far mettere le mani nei capelli ad una persona che sia un pochino più ordinata.

Eppure essi vi assicureranno che in mezzo a quella confusione trovano tutto e non perdono mai nulla, e vi persuaderanno che anzi è una bellissima cosa non perder il tempo a mettere in assetto i loro oggetti.

Naturalmente, qualche volta troveranno quello che cercano, perchè gli oggetti non hanno nè ali nè gambe per scappare da soli, e qualche volta al disordine supplirà la memoria, come per un cieco il tatto supplisce al difetto della vista; ma quelle volte che perdono una quantità di tempo prezioso a cercare un oggetto che con un po’ d’ordine avrebbero trovato subito, tutte le volte che s’inquietano per timore d’averlo smarrito, non lo confessano certo, perchè sarebbe come voler confessare l’assurdità del loro sistema.