Pagina:Cordelia - Le Donne Che Lavorano.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

X.

La donna nelle matematiche.

Si è sempre detto e creduto che la donna, per la sua indole sia portata ad aver fervida immaginazione, forte e vivo sentimento, ma che sia aliena dalle cose esatte e precise, contentandosi di avvicinarsi alla perfezione senza mai raggiungerla; in questo caso non dovrebbe aver alcuna attitudine per la matematica, scienza precisa dove tutto deve esser provato, controllato e che richiede quasi un cervello organizzato in modo speciale. Pure i fatti provano il contrario, molte donne riuscirono nelle matematiche, al pari degli uomini, non foss’altro ne sarebbe una prova luminosa, Gaetana Agnesi, che se fu un’eccezione ai tempi in