Pagina:Cordelia - Le Donne Che Lavorano.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 la donna nelle matematiche.


cui la donna era temila digiuna del frutto della scienza e rinchiusa fra le domestiche pareti, ora potrà avere delle seguaci, visto che molte fanciulle che frequentano le scuole, destano la meraviglia fra i professori o studenti pel modo con cui riescono a svolgere i problemi più difficili al punto da essere prime fra i compagni e ad ottenere non solo la laurea a pieni voti, ma posti eminenti nell’insegnamento come avvenne alla signora Rowolewscky che ottenne la cattedra di matematica all’Università di Stoccolma.

Ormai il campo dell’insegnamento è stato tutto conquistato dalla donna, ma ancora non ci sappiamo figurare un ingegnere in veste femminile, come avviene in Inghilterra, in Germania dove si contano già parecchie donne architetti.

Non mi pare che, da noi, alcuna si sia data finora a simile professione, forse si ha un po’ d’esitazione a scegliere una carriera