Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo settimo 261

imprecazioni la loro obbedienza per l’avvenire. L’Ammiraglio degnò perdonare a tutti; tenne solo Francesco Porras prigioniero sulla sua caravella: pose i ribellati sotto il comando di un capitano di certa fede, probabilmente Pedro de Coronel, e li collocò nell’isola, per evitare gli alterchi che avrebbero potuto. nascere se fossero stati insieme coi loro vincitori.


§ II.


Già era trascorso oltre un anno, quando, con inesprimibile soddisfazione degli equipaggi, due caravelle entrarono nella baia di Santa Gloria. Trovavansi sotto il comando di un profumiere patentato, unico fabbricante di sapone della Spagnuola1, Diego di Salcedo, già scudiere della casa dell’Ammiraglio, diventato sotto i suoi ordini esperto nella navigazione, e che si era pel suo commercio, da cinque anni stabilito a San Domingo. Lo stimabile profumiere non aveva esitato ad abbandonare il suo negozio, appena vide che si trattava di soccorrere il Vice-re, suo antico signore. La prima di quelle caravelle era stata noleggiata dall’infaticabile Diego Mendez, «e caricata di viveri, pane, vino, carne di maiale, di castrato e frutti2.» La seconda era stata noleggiata dal governatore Ovando, che l’opinion pubblica costringeva a mostrare un po’ di buon volere anche suo malgrado. Egli temette di essere preceduto da Diego Mendez, e fidò anche a Salcedo il comando di questa nave. Appena le due caravelle erano uscite dal porto di San Domingo, Diego Mendez, il quale aveva noleggiata un’altra nave, s’imbarcò per la Castiglia con Bartolomeo Fieschi, e andò a render conto ai Re di questa, spedizione marittima.

Dopo avere ringraziato Dio della sua misericordia, Colombo

  1. Volendo ricompensare i servigi resi da Diego di Salcedo al governo di Ispaniola, il Vice-re aveagli, dietro sua domanda, il 5 agosto 1499, concesso per Brevetto il privilegio della vendita del sapone nelle Indie. — Coleccíon diplomatica, docum. n° cxxxi.
  2. Cuarto y último viage de Colon, Relacion hecha por Diego. Mendez de algunos acontecimientos, etc.