Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/329

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo nono 309

vita. Da quel momento, fu visto precipitare verso il termine fatale.

Ne’ suoi atroci calcoli sul tempo che rimaneva a Colombo da vivere, il re Ferdinando era stato sagace. Nonpertanto era in Colombo un altro segreto patimento, di cui non poteva sospettare quel profondo politico.

Nonostante la sua rassegnazione, a’ voleri di Dio, ed il perdonare, che faceva alla iniquità, una desolazione più amara dell’ingratitudine regia lo martoriava incessantemente nella sua solitudine; ed era la memoria de’ paesi ch’er’andato a scoprire in nome di Gesù Cristo, la compassionevole imagine di quelle popolazioni che dianzi aveva ambito acquistare al Redentore, a cui egli per primo aveva mostrato e fatto salutare la Croce, e che allora venivano distrutte con istolta barbarie. Il Rivelatore del Nuovo Mondo sentivasi martoriato negli Indiani, smembrato nella dislocazione delle loro tribù e ne’ supplizi inflitti a quegli sciagurati, che si spegnevano maledicendo la sublime Religione, ch’egli aspirava far loro amare.

In mezzo alle sue torture fisiche, ed agli umilianti imbarazzi della sua miseria, Colombo, rimettendo la sorte de’ suoi due figli alla commiserazione della Provvidenza, avrebbe potuto ancora dimenticare le sue strettezze, il suo abbassamento e la perfidia del Monarca: ma nessuna umana precauzione sarebbe riuscita a torgli dinanzi l’imagine di quegl’infelici Indiani, e allentare il battere accelerato del suo cuore indegnato. Con quali parole consolare una tale afflizione? Qual cosa osar dire? Come moderare l’afflizione che penetrava sino ne’ visceri al discepolo del Verbo? come addolcire quell’agonia morale, dolore immenso molteplice come le popolazioni di quella razza sciagurata, di cui esso prevedeva il fine, e pareva udire le ultime lamentazioni?

Per prolungare di qualche giorno ancora la vita di Colombo, sarebbe bisognato poter risuscitare la grande Isabella, e chiudere incontanente la piaga1 sanguinolenta delle Indie. Ma dopo tante

  1. Qui non possiamo scordare che, solo fra i numerosi scrittori che. hanno parlato di Colombo, il conte di Falloux ha posto il dito su questa