Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo decimo 375

dopo il suo terzo viaggio1, aveva indicata la Spagna siccome colei che doveva compiere una gran missione religiosa. Nella sua Storia naturale e morale delle Indie, il padre Acosta, di cui Humboldt ha notato lo spirito profondo e generalizzatore, dice che si afferma «essere stato predetto da lungo tempo che il Nuovo Mondo doveva andar convertito a Gesù Cristo dalla nazione spagnuola2.» Or non è strano che fosse designata per quest’opera evangelica una nazione confinata tra le montagne ed il mare, la quale non poteva, per conseguenza, distendersi che per via dell’Oceano? Quest‘ idea di un’azione evangelica oltre il mar tenebroso non è dessa sorprendente?

Dalla Spagna infatti, ove fu tanto onorato san Cristoforo partì il messaggero della buona novella, che andava a portar la croce oltre il mare.

Ed è così naturale vedere nella mission cattolica di Colombo la spiegazione dell’emblematica figura di san Cristoforo, che il primo geografo vissuto all’epoca della scoperta, Juan de la Cosa, riconosciuto dalla Regina Isabella pel più valente del suo tempo3, nel compiere il disegno della carta del Nuovo Mondo, e mostrare il moderno progresso geografico dovuto a Colombo, invece di nominarlo vincitore del mare tenebroso, si tenne pago di dipingere la figura simbolica del santo che porta Cristo attraverso il mare4: a’ suoi occhi la predizione contenuta in quella religiosa imagine era finalmente avverata.

  1. “El abad Joachin Calabres dijo que habia de salir de España quien habia de redificar la casa del monte Sion.” — Libro de las Profecias, vol. IV.
  2. Il P. Acosta, Storia naturale e morale delle Indie, lib. I, cap. xv.
  3. La Regina Cattolica, in una lettera in data da Alcala il 5 luglio 1503, diceva indicando Juan de la Cosa “porque creo que lo sabrá hacer mejor que otro alguno.” — Real Archivo de Simancas. — Legajo de la Camara, n° xlii.
  4. Questo documento prezioso eretto da Juan de la Cosa al Porto-SantaMaria, nel 1500, e posseduto dal signor Walckenaër, fu ricuperato dal governo spagnuolo. ll signor Humholdt ne ha pubblicato la copia nell’ultima edizione della sua Storia della Geografia del Nuovo Continente. Vi si vede l’imagine di San Cristoforo, attraversante il mare, portando in