Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/418

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
398 libro quarto

simi in cui si operavano i miracoli: perciò ne parla col più gran rispetto: la chiama la Santa vera Croce della Concezione1: specifica il tempo in cui Cristoforo Colombo la elevò: nomina l’ufficiale di mare, che, per gli ordini dell’Ammiraglio, aveva comandato il drappello incaricato di eseguire la erezione di quella croce; il qual ufficiale, Alonzo di Valencia, viveva ancora, e dimorava a San Domingo.

Uno degli scrittori più vicini a quel tempo, l’abate Lopez di Gomara, dice assai chiaramente che guarivano molti malati mercè la croce piantata da Cristoforo Colombo, al tempo del suo secondo viaggio alla Vega, e che perciò le fu imposto il nome della Vera Croce. Se ne dispiccavano pezzetti a mo’ di reliquie2: ricorda, che, nonostante il lor numero, gl’Indiani non poterono strapparla dal luogo ov’era. Un altro testimonio molto importante intorno a questa croce è lo stesso Cristoforo Colombo. Nel suo testamento, indica, per farvi costruire una cappella, il luogo ove ha invocato la Trinità. Il qual luogo è così familiarmente conosciuto da’ suoi che non lo distingue che pel suo nome particolare: si limita a raccomandare che questa cappella, sotto l’invocazione della Trinità, sia, per quanto è possibile, edificata nel sito medesimo in cui la invocò3, nella campagna chiamata la Concezione4. La notorietà di quella ubicazione, la modestia dello scrivente, e la ricordanza delle sue interne consolazioni lo fanno astenere da ogni particolarità.

  1. La Santa vera Cruz de la ciudad de la Concepcion.
  2. “Sanaron muchos enfermos con el palo y devocion de una Cruz que pusó Cristobal Colon la segunda vez que pasó en la vega, que llamaron por eso, de la vera Cruz, cuyo palo tomaban por reliquias.” — Francisco Lopez de Gomara, Historia de las Indias, cap. xxxiv.
  3. Cristoforo Colombo. — “Holgaria que fuese alli donde yo la invoqué, que es en la Vega que se dice de la Concepcion.” — Testamento y codicilo del almirante don Cristobal Colon otorgado en Valladolid a 19 de mayo del año 1506.
  4. Questa cappella ad onore della SS. Trinità, al cui servizio dovevano essere addetti tre sacerdoti, non vuol confondersi colla Chiesa ad onore della immacolata Concezione che l’Ammiraglio aveva fondata nella sua istituzione del Maggiorasco il 22 febbraio 1498.