Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/437

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo undecimo 417

ostante i doveri che gl’incorrevano verso il duca d’Alba, suo prossimo parente, nonostante i diritti di don Diego marito della nipote di questo, nonostante i servigi inapprezzabili che il suo nome ricordava, Ferdinando durò sino alla fine ostinato a negar giustizia, a violare gli obblighi assunti dalla Regina e convalidati colla sua propria firma1.

L’Ammiraglio don Diego Colombo andò a Siviglia colla moglie doña Maria di Toledo, col fratello don Fernando Colombo, co’ suoi due zii l’Adelantado e l’abate don Diego Colombo, accompagnato dal cavaliere Diego Mendez e da uno stuolo di gentiluomini, che dovevano comporre la casa della Vice-regina. Non ostante le riserve astute e paurose del vecchio Cattolico, un sentimento generale di cortesia fece chiamar sempre doña Maria di Toledo la Vice-regina. ll titolo di Vice-re fu meno comunemente dato a don Diego, che s’intitolava abitualmente, come suo padre, Ammiraglio delle Indie.


§ III.


L’Ammiraglio don Diego Colombo, accompagnato da tutta la sua famiglia, fece vela per San Domingo, ove giunse il 10 luglio 1509.

ll suo zelo illuminato per gl’interessi della colonia, il suo attaccamento alla religione, congiunti ad una inalterabile giustizia, facevano riconoscere in lui il figlio di tanto padre. Fregiato di nobili doti avrebbe potuto amministrare un gran regno. Ma niente valeva a guarentirlo dagli strali dell’invidia, non le sue alte relazioni di famiglia, non il suo parentado col Re, non la gloria del padre. Quanto più Ferdinando invecchiava, e tanto più amava di fidare a don Juan di Fonseca il peso degli affari coloniali, trovandosi bastevolmente gravato dal governo de’ suoi Stati d’Europa. Dal canto suo Fonseca, oppresso

  1. “Con nombre solamente de Almirante y gobernador de las Indias, con protestacion que no era su intencion concederle por los poderes que le avia de dar mas derecho del que tenia pleyteando.” — Herrera, Historia de las Indias occidentales. Decada I, lib. VII, cap. vi.
Roselly, Crist. Colombo, T. II. 27