Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di colombo 447

dommi, non hanno alcun legame di memorie, di affetti e di parentado colla Italia che ammorbano dei loro errori, e travagliano colla loro propaganda: non lasciar piantare nella tua terra la radice dei forastieri costumi: ti sta da te, nobile Liguria! Verresti meno a te medesima guastando quel grande avvenire che ti attende. La navigazione a vapore, e il prossimo taglio dell’istmo di Suez1, promettono al tuo porto e alle tuo strade ferrate una prosperità incalcolabile. I nostri voti per la tua felicità sollecitano l’arrivo di tal giorno. Ti affretta a compiere il marmo monumentale aspettato dalla storia. Abbi continuo davanti agli occhi la ricordanza del tuo Eroe. Medita su questo modello di grandezza cristiana; e sappi che la miglior maniera di onorarlo è quella d’imitare le sue virtù; imperocchè, se a niuno è dato di potere uguagliare il suo genio, è permesso a tutti di accostarglisi per la fede.


§ III.


Noi siamo costretti a confessare questa verità: le donne, sin anche in Francia, paese della gloria e d’ogni generoso entusiasmo, non s’interessano a Colombo; e così la sua memoria rimane priva della loro simpatia, come la sua vita si svolse digiuna delle cure consolanti della famiglia. Questa noncuranza procede sicuramente dal non avere le donne cattoliche peranco letta una fedele biografia di questo Eroe del Cattolicismo: mentr’esse sentono gran compassione di alcuni volgari uomini di mare, de’ quali la storia compendiata de’ naufragi racconta ad esse le sciagure, ignorano gli infortunii del principe dei navigatori.

Oggidì, una sola Donna ha manifestato per la gloria di Co-

  1. È a vedersi in proposito un lavoro studiato e notevolissimo del marchese Antonio Brignole Sale, pubblicato sotto il titolo di Rapporto sul taglio dell’istmo di Suez, stampato in dicembre 1855. In tale lavoro ore campeggia l‘erudizione storica e geografica; il signor marchese de Brignole espone i vantaggi che debbono risultare da questa colossale impresa, sotto il punto di vista generale degli interessi del commercio, dell’incivilimento, e della propagazione del cattolicismo. Noi lo raccomandiamo a tutti gli amici della scienza e del progresso.