Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
76 libro terzo

CAPITOLO SETTIMO

Arrivo a San Domingo del commendatore Bobadilla. — Egli fa pubblicare sulla soglia della Chiesa il suo titolo di commissario reale. — Bobadilla intima tre volte a Diego Colombo e Rodrigo Perez di consegnarin i prigionicri detenuti nella fortezza. — Rifiutandovisi essi replicatamente, assedia la fortezza, vi entra senza contrasto, e mette in libertà i condannati. — Il commissario s’impadronisce della casa, delle masserizie e delle carte dell’Ammiraglio, e annunzia che lo manderà in Ispagna incatenato. — Carceramento successivo di don Diego Colombo, dell’Ammiraglio e dell’Adelantado. — Sono posti in prigioni separate. — Bobadilla comincia il processo contra di loro. — Li manda in Castiglia incatenati sotto la guardia di un ufficiale, creatura di Fonseca, con ordine di toglier loro le catene arrivando. — Colombo, sulla caravella, rifiuta di farsi sciogliere dai ceppi. — Egli scrive a dona Juana de la Torre, nutrice dell’infante.

§ I.



Mentre l’Ammiraglio, confidando nella saviezza della Regina e nella giustizia della sua causa, vedendo rinascere nell’isola l’ordine e la sicurezza, si occupava assiduamente in ampliare la fortezza della Concezione, della quale, da valente ingegnere qual era, faceva una cittadella di prim’ordine, la mattina del lunedì, 23 agosto, si videro da San Domingo due caravelle che lottavano contro i venti di terra, e manovravano alla distanza di circa una lega per guadagnare l’entrata dell’Ozama.

Pensando don Diego Colombo che queste caravelle menassero il suo nipote don Diego, figlio primogenito dell’Ammiraglio, del quale bramava con ardore la venuta, spedì incontanente verso le caravelle una scialuppa che accostatasi alla Gorda, dimandò chi n’era il comandante. Bobadilla, appoggiato al parapetto, rispose essere egli stesso; che si chiamava il commendatore Francesco di Bobadilla1; che giungeva in qualità. di commissario dei Re, per giudicare i ribelli, e che il giovane don Diego non era stato imbarcato. La scialuppa tornò indietro.

  1. Herrera, Storia generale dei viaggi nelle Indie occidentali. Decade I, lib. IV, cap. viii.