Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume I (1857).djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 libro primo

cato e aspettato inutilmente tre settimane, fece racconciar la Pinta, adattandole un nuovo timone, e mutare in vele quadrate le triangolari della Nina. Rinnovata ch’ebbero la provvigione d’acqua, di legna e di vettovaglie, misero alla vela il 6 settembre. In quella una nave che veniva dall’isola di Ferro, partecipò all’ammiraglio che tre caravelle portoghesi incrociavano in quei mari. La collera del re Giovanni II, adirato del rifiuto di Colombo, lo perseguitava sull’Oceano; e, per colmo di inquietudine, una bonaccia continua lo tratteneva nelle acque della Gomera in vista del picco di Teneriffa, le cui eruzioni vulcaniche spaventavano gli equipaggi.

Tale stato pieno di ansia durò dal mattino del giovedì sin all’albeggiare del sabbato. Finalmente, profittando d’un lieve soffio, Colombo avanzò alcun poco, e riconobbe l’ultima delle Canarie, l’isola del Ferro, appunto là dove lo aspettavano le caravelle portoghesi. «Egli si trovava dunque, dice Washington Irving, vicino al pericolo. Per buona ventura si levò insiem col sole il vento, le vele si gonfiarono di nuovo, le vette dell’isola si dileguarono grado grado dall’orizzonte.» Sino dal cominciare di questa sorprendente navigazione noi memoriamo, colle parole di uno scrittore protestante, il primo soccorso che ricevette dalla Provvidenza il suo messaggero Cristoforo Colombo. Nè questo fu il solo: Dio non cessò d’assisterlo. Se le leggi ordinarie del mondo non furono mai sconvolte in suo favore, nondimeno le coincidenze più felici giunsero sempre in suo aiuto, ed in così buon punto da rendere superflui i miracoli.


§ III.


Qua finiva la scienza de’ più valenti uomini di mare, e aprivansi le regioni dello sconosciuto. Mentre il cuore di Colombo palpitava di una nobil gioia, affacciandosi a spazii intentati sin allora, l’equipaggio cominciò a lamentarsi: i marinai si desolavano, disperando di non rivedere mai più la patria. L’ammiraglio si sforzò di rassicurarli, e parlò come si conveniva a spiriti materiali ed ingordi: gl’inanimi alquanto: tuttavia, per prudenza, cominciando da quel giorno, scrisse il viaggio su due distinti li-