Pagina:Cronica de matematici.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124

Ingolstadio. Publicò dopo Giovanni Stabio l’Horologgio detto foglia della Pioppa. Mandò fuori il libro di Giordano de Pesi. Scrisse del suo un libretto di Geografia, à cui aggiunse un trattatelo del conoscer l’hore della notte per via della Stella Polare. Publicò parimente un Quadrante Universale in forma nuova, & alcune altre cose.

[1550]GIUVONE Heldo Frisio familiare di Giovanni di Rojas scrisse della fabrica del Planisferio, dal quale Giovanni prese gran parte delle cose, ch’egli trattò nel suo.

[1552]LUCA Gaurico Giusanese, cioè dal Tempio di Giunone Argiva, diede opera alla Filosofia, & alle Matematiche in Ferrara, nel quale essendo assai giovane, fu Lettore delle cose d’Astrologia, fece alcune annotationi sopra l’Almagesto di Tolomeo tradotto dal Trapezuntio, alle quali aggiunse un’appendice de Mesi, & alcune altre cose di poco momento. Fece egli ancora alcune fatiche sopra la sfera di Giovanni di Sacrobosco, e sopra le Teoriche di Giorgio Peurbachio, & un Problema, nel quale discorre se sotto l’equinottiale vi siano habitationi. Sotto Papa Clemente in Roma predisse molte di quelle ruine, che successero; onde fù chiamato à suoi servitii da Pavolo Terzo, dal quale fù an-


co