Pagina:Cronica de matematici.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142

[1588]FRANCESCO Barocci Gentilhuomo Venetiano dotato di bellissimo ingegno, Filosofo, e Matematico eccellente, essendo giovane di ventuno anno tradusse, & illustrò i Commentarii di Proclo sopra il primo degl’Elementi di Euclide. L’istesso tradusse i libri di Herone Mecanico e gli arricchì di Commentarii. Ultimamente ha scritto un volume di Cosmografia, nel quale redarguisce gl’errori di molti intorno le cose Geometriche, e d’Astrologia.

[1589]GIOSEFFE Zarlino da Chioggia Musico eccellentissimo diede opera con pari felicità alle Matematiche, & à tutte le buone arti. Fù molto intendente delle cose della Filosofia. Essendo giovane si trasferì in Venetia, ove fattosi conoscere fù eletto Maestro di Cappella della Chiesa di S. Marco. Nelle cose della musica hebbe per Maestro Hadriano Villacese il primo de suoi tempi in quella professione. Scrisse l’introduttioni musicali, le dimostrationi harmoniche, & i supplementi Musicali, e questi publicò egli ad utile degli Studiosi della Musica; scrisse etiamdio, ma non mandò in luce, un libro intitolato - De re musica - diviso in vinticinque libri, il Melopeo, cioè il Musico perfetto. Fuori della professione della Musica scris-


se