Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/298

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 rapporto al cittadino carnot


Dopo questa pittura melanconica e rattristante, metto a giorno la rea condotta dell’imbecille Claudio, della dissoluta Messalina e del vile Seiano, relativamente al gran popolo nella brillante carriera della sua rivoluzione. E qui si vedrá la debolezza di un governo oppressore andare unita alla perfidia. Si scorgeranno i princípi della giustizia universale calpestati; i rapporti, che mantengono la concordia dell’uman genere, lesi in tutta la loro estensione; gli sforzi di soffocare il grido della filosofia sempre piú raddoppiati.

Finalmente, facendo una utile digressione, getto un colpo d’occhio sulle fasi scorse dell’Italia, sul suo stato attuale, sull’attitudine imponente ch’ella sará per prendere sotto la influenza del genio vivificante della libertá e delle scienze, e sul peso ch’ella fará nella bilancia de’ futuri destini dell’Europa.

I corpi sociali, come i pianeti, sono inviluppati nel cerchio de’ loro movimenti invariabili e regolari. È gran tempo che la forza del dispotismo ha agito sulla terra; e quest’azione dev’essere bilanciata da una riazione delle societá civili. Le lunghe oppressioni debbono necessariamente menare la indipendenza. Guai, guai a’ tiranni!... La ragione, che giá va divenendo cosmopolita, incomincia a mostrare a’ popoli la turpitudine delle loro catene, ed essi arrossiscono a sopportarne il peso ed a baciare la mano che gli strangola. Il grande albero delle scienze, che era tanto agitato da’ fieri aquiloni della superstizione e della tirannia, gettando nel secolo futuro piú profonde le sue radici, spanderá i fronzuti rami, all’ombra de’ quali sará per riposare la insultata umanitá.

II lettore, se non ravviserá in codesto travaglio una storia ben fatta, giacché una buona storia è diffícile a farsi, vi troverá almeno i materiali i piú rilevanti, che saranno radunati con impegno da’ Tucididi e Taciti del secolo nell’ergere il monumento colossale de’ fasti correnti. Tra tante veritá, ne scorgerá una scritta a caratteri di sangue, che scorre da un cuore ferito, cioè che i re sono animali antropofagi, e che la loro storia è il martirologio delle nazioni.