Pagina:Cuore.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


vuoto e s’andò a piantar là, con le spalle al muro.

Accorse subito un brigadiere di Polizia e gli disse:

- Qui non si può stare.

- Son del quarto battaglione del ’49, - rispose Coretti, toccandosi la medaglia.

Il brigadiere lo guardò e disse: - Restate.

- Ma se lo dico io! - esclamò Coretti trionfante; - è una parola magica quel quarto del quarantanove! Non ho diritto di vederlo un po’ a mio comodo il mio generale, io che son stato nel quadrato! Se l’ho visto da vicino allora, mi par giusto di vederlo da vicino adesso. E dico generale! È stato mio comandante di battaglione, per una buona mezz’ora, perché in quei momenti lo comandava lui il battaglione, mentre c’era in mezzo, e non il maggiore Ubrich, sagrestia!

Intanto si vedeva nel salone dell’arrivo e fuori un gran rimescolio di signori e d’ufficiali, e davanti alla porta si schieravano le carrozze, coi servitori vestiti di rosso.

Coretti domandò a suo padre se il principe Umberto aveva la sciabola in mano quand’era nel quadrato.

- Avrà ben avuto la sciabola in mano, - rispose, - per parare una lanciata, che poteva toccare a lui come a un altro. Ah! i demoni scatenati! Ci vennero addosso come l’ira di Dio, ci vennero. Giravano tra i gruppi, i quadrati, i cannoni, che parevan mulinati da un uragano, sfondando ogni cosa. Era una confusione di cavalleggeri d’Alessandria, di lancieri di Foggia, di fanteria, di ulani, di bersaglieri, un