Pagina:Cuore.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


inferno che non se ne capiva più niente. Io intesi gridare: - Altezza! Altezza! - vidi venir le lancie calate, scaricammo i fucili, un nuvolo di polvere nascose tutto... Poi la polvere si diradò... La terra era coperta di cavalli e di ulani feriti e morti. Io mi voltai indietro, e vidi in mezzo a noi Umberto, a cavallo, che guardava intorno, tranquillo, con l’aria di domandare: - C’è nessuno graffiato dei miei ragazzi? - E noi gli gridammo: - Evviva! - sulla faccia, come matti. Sacro Dio che momento!... Ecco il treno che arriva.

La banda suonò, gli ufficiali accorsero, la folla s’alzò in punta di piedi.

- Eh, non esce mica subito, - disse una guardia; - ora gli fanno un discorso.

Coretti padre non stava più nella pelle. - Ah! quando ci penso, - disse, - io lo vedo sempre là. Sta bene tra i colerosi e i terremoti e che so altro: anche là è stato bravo; ma io l’ho sempre in mente come l’ho visto allora, in mezzo a noi, con quella faccia tranquilla. E son sicuro che se ne ricorda anche lui del quarto del ’49, anche adesso che è re, e che gli farebbe piacere di averci una volta a tavola tutti insieme, quelli che s’è visto intorno in quei momenti. Adesso ci ha generali e signoroni e galloni; allora non ci aveva che dei poveri soldati. Se ci potessi un po’ barattare quattro parole, a quattr’occhi! Il nostro generale di ventidue anni, il nostro principe, che era affidato alle nostre baionette... Quindici anni che non lo vedo... Il nostro Umberto, va’. Ah! questa musica mi rimescola il sangue, parola d’onore.

Uno scoppio di grida l’interruppe, migliaia di