Pagina:Cuore.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



- Che vuoi che ti dica, povero figliuolo, - rispose la donna; - io non so.

Ma subito le balenò un’idea e soggiunse in fretta: - Senti, ora che ci penso. Fa una cosa. Svolta a destra per la via, troverai alla terza parte un cortile; c’è un capataz, un commerciante, che parte domattina per Tucuman con le sue carretas e i suoi bovi; va a vedere se ti vuol prendere, offrendogli i tuoi servizi; ti darà forse un posto sur un carro; va’ subito.

Il ragazzo afferrò la sacca, ringraziò scappando, e dopo due minuti si trovò in un vasto cortile rischiarato da lanterne, dove vari uomini lavoravano a caricar sacchi di frumento sopra certi carri enormi, simili a case mobili di saltimbanchi, col tetto rotondo e le ruote altissime; ed un uomo alto e baffuto, ravvolto in una specie di mantello a quadretti bianchi e neri, con due grandi stivali, dirigeva il lavoro. Il ragazzo s’avvicinò a questo, e gli fece timidamente la sua domanda, dicendo che veniva dall’Italia e che andava a cercare sua madre.

Il capataz, che vuol dir capo (il capo conduttore di quel convoglio di carri), gli diede un’occhiata da capo a piedi, e rispose seccamente: - Non ci ho posto.

- Io ho quindici lire, - rispose il ragazzo, supplichevole, - do le mie quindici lire. Per viaggio lavorerò. Andrò a pigliar l’acqua e la biada per le bestie, farò tutti i servizi. Un poco di pane mi basta. Mi faccia un po’ di posto, signore!

Il capataz tornò a guardarlo, e rispose con miglior garbo: - Non c’è posto... e poi... noi non andiamo a Tucuman, andiamo a un’altra città, Santiago dell’