Pagina:Cuore.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Si levò le scarpe, si strinse la cinghia dei calzoni, buttò nell’erba il berretto e abbracciò il tronco del frassino

- Ma bada... - esclamò l’ufficiale, facendo l’atto di trattenerlo, come preso da un timore improvviso.

Il ragazzo si voltò a guardarlo, coi suoi begli occhi celesti, in atto interrogativo.

- Niente, - disse l’ufficiale; - va su.

Il ragazzo andò su, come un gatto.

- Guardate davanti a voi, - gridò l’ufficiale ai soldati.

In pochi momenti il ragazzo fu sulla cima dell’albero, avviticchiato al fusto, con le gambe fra le foglie, ma col busto scoperto, e il sole gli batteva sul capo biondo, che pareva d’oro. L’ufficiale lo vedeva appena, tanto era piccino lassù.

- Guarda dritto e lontano, - gridò l’ufficiale.

Il ragazzo, per veder meglio, staccò la mano destra dall’albero e se la mise alla fronte.

- Che cosa vedi? - domandò l’ufficiale.

Il ragazzo chinò il viso verso di lui, e facendosi portavoce della mano, rispose: - Due uomini a cavallo, sulla strada bianca.

- A che distanza di qui?

- Mezzo miglio.

- Movono?

- Son fermi.

- Che altro vedi? - domandò l’ufficiale, dopo un momento di silenzio. - Guarda a destra.

Il ragazzo guardò a destra.

Poi disse: - Vicino al cimitero, tra gli alberi, c’è qualche cosa che luccica. Paiono baionette.