Pagina:Cuore.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


mettevano in fila i premiati, e c’era pieno di parenti che davan loro l’ultima ravviata ai capelli e l’ultimo tocco alle cravattine.

Appena entrato coi miei nel palchetto, vidi in un palchetto di fronte la maestrina della penna rossa, che rideva, con le sue belle pozzette nelle guancie, e con lei la maestra di mio fratello, e la «monachina» tutta vestita di nero, e la mia buona maestra di prima superiore; ma così pallida, poveretta e tossiva così forte, che si sentiva da una parte all’altra del teatro. In platea trovai subito quel caro faccione di Garrone e il piccolo capo biondo di Nelli, che stava stretto contro la sua spalla. Un po’ più in là vidi Garoffi, col suo naso a becco di civetta, che si dava un gran moto per raccogliere gli elenchi stampati dei premiandi, e n’aveva già un grosso fascio, per farne qualche suo traffico... che sapremo domani. Vicino alla porta c’era il venditor di legna con sua moglie, vestiti a festa, insieme al loro ragazzo, che ha un terzo premio di seconda: rimasi stupito a non vedergli più il berretto di pel di gatto e la maglia color cioccolata: questa volta era vestito come un signorino. In una galleria vidi per un momento Votini, con un gran colletto di trina; poi disparve. C’era in un palchetto del proscenio, pieno di gente, il capitano d’artiglieria, il padre di Robetti, quello delle stampelle, che salvò un bambino dall’omnibus.

Allo scoccar delle due la banda sonò, e salirono nello stesso tempo per la scaletta di destra il sindaco, il prefetto, l’assessore, il provveditore, e molti altri signori, tutti vestiti di nero, che s’andarono a sedere sui seggioloni rossi, sul davanti del palcoscenico. La