Pagina:Cuore infermo.djvu/276

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
276 Cuore infermo

E gli si avvinghiò al collo, con una stretta frenetica. Marcello le riversò il capo, la guardò negli occhi, ansiosamente, come se là solo fosse l’immensa verità.

— Non lo vedi che t’amo? — replicò ella affannosamente. — Sono io la tua Beatrice, la tua sposa; ho la mia veste bianca. T’amo.

— O mio amore, o mia sposa, o mia donna adorata! — disse lui, prendendola sul suo seno.