Pagina:D'Annunzio - Il libro delle vergini.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 il libro delle vergini

sorriso vago di smemorata le sfiorava le labbra pallide, le fuggiva nelli occhi.

— Ah! — susurrò fioca; e il gesto delle dita alle tempia le ritornava, gentilmente.

Era stata una vita triste ed uguale, in quelle tre stanze, fra tutte quelle piccole statue deformi di Santi, fra tutte quelle imagini di Madonne, fra tutti quei bimbi compitanti in coro ad alta voce per cinque ore del giorno le medesime parole scritte col gesso su la lavagna. Come le martiri gloriose della leggenda, come Santa Tecla di Licaonia e Santa Eufemia di Calcedonia, le due sorelle avevano consacrata la loro verginità allo Sposo celeste, al talamo di Gesù. Avevano mortificata la carne a furia di privazioni e di preghiere, respirando l’aria della chiesa, l’incenso e l’odore delle candele ardenti, cibandosi di legumi.

Avevano stupefatto lo spirito in quell’esercizio arido e lungo di sillabazione, in quel freddo distillio di parole, in quell’opera macchinale dell’ago e del filo su le eterne tele bianche odoranti di spigo e di santità. Mai le loro mani cercarono la dolcezza delle chiome infantili, il tepore di quel biondo così angelico dell’infanzia; mai le loro labbra cercarono la fronte dei discepoli, in una effusione di tenerezza improvvisa. Insegnavano la piccola dottrina, i piccoli canti della religione; facevano prostrare tutte