Pagina:D'Annunzio - La figlia di Iorio.djvu/43

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Atto I. Scena V 37


Splendore
FF
orse hai qualche male, meschina!
Hai fatto un vóto di dolore.
Andavi forse all’Incoronata,
o a Santa Maria della Potenza?
La Vergine ti faccia la grazia!

La donna solleverà a poco a poco la faccia nascosta ancóra dall’ammantatura.

Ornella, offrendole il ristoro
Bevi, creatura di Cristo.



S’udrà venire dall’aia uno scalpiccìo di piedi scalzi, e un vocìo confuso. La straniera, ripresa dal terrore, non berrà ma poserà il boccaletto su la pietra del focolare. Balzerà in piedi, e si rifugerà di nuovo nel canto, con gran tremito.