Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

chiuso nella gravezza
2149del dorico peplo. Constretta
nelle pieghe rigide come
nelle ferree dita del Fato
eri, o figlia d’Enomào.
Ma il pensier tuo, sotto i folti
riccioli simili alle uve
della bimare Corinto
mèta alla corsa fatale,
2157immobile vivea
nel fiammeo soffio dei quattro
corsieri già pronti col carro.
E non ebbe il Cillene
non il Taigeto un abisso
terribile come il tuo grembo
2163intatto che Pelope amava.

Perché di sùbito amore
anch’io t’amai, genitrice
d’Atreo? Perché nella memoria
mi giganteggia il tuo peplo
simile alla scorza d’un mondo?
L’imagine in te ritrovai
2170della perigliosa Bellezza
che di sé m’accese e m’accende,
virginea nel rigore
del suo vestimento ordinato,
urna di tutti i mali,
profondità di dolore
e di colpa, remota


- 93 -