Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LAUDI DEL CIELO E DEL MARE

2177cagione di lutti infiniti,
funesto silenzio ove rugge
ebro di lussuria e di strage
l’umano mostro nudrito
d’inganni pe'l labirinto
dei tempi. L’aspetto sublime
dell’Ombra cui l’arte m’è fisa
2184in te raffiguro, Ippodàmia.

Tra l’eroe preparato
e la fremente quadriga
tu stai, piena il fianco regale
di fertilità spaventosa,
guatando la via dove spenti
caddero sotto le ruote
2191dei carri i tuoi chieditori.
E il tuo padre in segreto ha fame
di te; e il Tantalide è certo
di premerti, al tramonto
del sole, nudata e superba
sopra le sue pelli di belve.
E tu sei vergine ancóra;
2198la tua cintura ti cinge
di sopra il ventre velato,
come il cerchio tacito gira
a sommo del gorgo.
Ma Tieste e Atreo nascituri
e la cruenta progenie
e il peso carnal dei delitti
2205già t’affaticano il grembo.


- 94 -