Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

nel tempo. Più della terra
2548antico, nudrito di morti
ma di nascimenti fecondo,
più della terra è bello,
più della terra è sicuro.
I morti non rende, ma rende
l’amore a chi l’ama tenace.
La Speranza che stette
2555al fianco dell’uomo animoso
curva su la rate pelasga,
la selvaggia compagna
cui contra l’occhio aguzzato
la palpebra rossa
arrovesciavano i vènti,
or fatta è donna imperiale
2562Thalassia nomata su i vènti.

Nel trono ella sta d’Amfitrite.
Catenata sembra la Gloria
tra le sue tempie. Il suo seno
è una primavera anelante.
Il suo palpito si ripercuote
dai golfi e dai bòsfori azzurri
2569del Mediterraneo Mare
sino ai promontorii nimbosi
della barbarica Ierne.
Bùccine di mille Tritoni
non vincono il chiaro clangore
della sua tromba di bronzo.
L’odono i popoli forti:


- 107 -