Pagina:D'Annunzio - Laudi, I.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DELLA TERRA E DEGLI EROI

della Cetra! Ermerote
io ti chiamerò, Ermerote,
bel sangue commisto d’Amore.
Tu conducevi Euridice
per mano su i violetti
2954asfodilli, e Orfeo t’era innanzi
coronato di cipresso
e di mirto il capo suo d’oro.
E intorno era sacro silenzio
ma ad ogni passo silente
gemere s’udia la gran cetra
sospesa al fianco d’Orfeo...
2961Non così fu, Ermerote?

Sentisti tu tremare
la man di colei che traevi
dall’Ade su i cari vestigi?
E obliato non hai ogni altro
tremito di carne mortale
tu che i miseri uomini ignudi
2968avvincevi ai supplizii?
Intorno era sacro silenzio,
ma s’udia nel Tartaro lungi
rombare la ruota aspra d’angui
cui tu avvincesti Issione.
Ed ei si volse, ei si volse,
Orfeo si volse! La donna
2975perduta fu, dallo sguardo
perduta! Ritrarla dovevi
nelle inesorabili fauci.


- 121 -