Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SECONDO - ELETTRA

100sonante in circoli immensi.

E la forza degli uomini forti
s’accrebbe di tutta la plebe
romana, s’accrebbe di tutti
i cavalieri romani. E tutti
le braccia davano alla fune
105ritorta e iteravan le voci
al travaglio, ma indarno; ché stava
immota nel vado la dipinta
carena e il simulacro sublime
splendeva sopra la tolda
110nell’aer salino tacente.
Attonita interruppe il conato
la moltitudine e tacque
pavida innanzi al prodigio
con supplice cuore. S’udiva
115fluire il Tevere biondo,
addurre all’imperio del Mare
la maestà di Roma.
Tra il popolo supplice, allora
120s’avanzò Claudia Quinta vestale.

Offendeva lei casta il sospetto
del volgo, iniquo rumore.
S’avanzò Claudia Quinta e con mani


- 37 -