Pagina:D'Annunzio - Laudi, II.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SECONDO - ELETTRA

umani e di sogni umani
150che cercano le novelle forme,
verrà dai continenti
immensi ove ancora dorme
la ricchezza nei misteri
delle montagne e delle lande
155promessa agli insonni messaggeri,
verrà dai confini del mondo
con l’impeto degli elementi
e con l’ordine dei pensieri,
verrà dall’alto e dal profondo
160la Potenza in cui sola tu speri.

Così, o Roma nostra, nei tempi
un vergine eroe di tua stirpe
così la trarrà alle tue mura.
Non carena immobile in sirte
165limosa, non simulacro
già venerato in templi
estranei trarrà la man pura,
ma la Potenza umana, ma il sacro
spirito nato dal cuore
170dei popoli in pace ed in guerra,
ma la gloria della Terra
nel divino fervore
della volontà che la scopre


- 39 -