Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LA TREGUA


ÈSPOTA, ANDAMMO E COMBATTEMMO, SEMPRE


fedeli al tuo comandamento. Vedi
che l’armi e i polsi eran di buone tempre.

O magnanimo Dèspota, concedi
al buon combattitor l’ombra del lauro,
ch’ei senta l’erba sotto i nudi piedi,

ch’ei consacri il suo bel cavallo sauro
alla forza dei Fiumi e in su l’aurora
ei conosca la gioia del Centauro.

O Dèspota, ei sarà giovine ancóra!
Dàgli le rive i boschi i prati i monti
i cieli, ed ei sarà giovine ancóra!


- 1 -