Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO

non vale
45simiana acerba,
così per lui biada opima
non vale un pugno
di sale mordace.
Troppo gli piace,
50Aretusa. Ingordo
n’è come capra sima.
Forse ha un ricordo
marino il sangue di Folo.
Egli è forse figliuolo
55degli Ippocampi
dalla coda di squamme.
Ora è fiamme e lampi,
ma prima
era forse argentino
60o cerulo o verdastro
come il flutto, gagliardo
come il flutto decumano.
E nel vespero tardo,
all’apparir dell’astro
65che cresce,
al levar della brezza,
tutto acquoso e salmastro
venuto in su la proda,
mansuefatto,


- 148 -