Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


a gorgo
GORGO, più nuda sei nel lin seguace.
La tua veste ti segue e non ti chiude.
Fra l’ombelico e il depilato pube
il ventre appare quasi onda che nasce.

5Ombra non è su le tue membra caste:
dall’ìnguine all’ascella albeggi immune.
Polita come il ciòttolo del fiume
sei, snella come l’ode che ti piacque.

Danzami la tua molle danza ionia
10mentre che l’Apuana Alpe s’inostra
e il Mar Tirreno palpita e corusca.

L’Ellade sta fra Luni e Populonia!
E il cor mi gode come se tu m’offra
il vin tuo greco in una tazza etrusca.

l’auletride
IO rinvenni la pelle dell’incauto
Frigio nomato Marsia appesa a un pino,
sul suol roggio il coltello del divino
castigatore e, presso, il doppio flauto.

5Questo raccolsi trepidando, o Glauco.
E, immemore del flebile destino,


- 158 -