Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO


se cruenta nel corniolo
rosseggi la cornia afra e lazza.
Odo tra il gridìo della gazza
100il richiamo del cavriuolo.

Sei tu cacciatore? Sei destro
ad arco, esperto a cerbottana?
Ora scende da Pietrapana
Settembre. Tu dammi il canestro.

105Eh, veduto n’ho del pel baio
verso il Serchio correre il bosco!
Tu dammi il canestro. Conosco
la pesta se ben non abbaio.

Accomanda il nervo alla cocca.
110Ne avrai della preda, s’io t’amo!
Imito qualunque richiamo
con un filo d’erba alla bocca.