Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TERZO - ALCIONE



DITIRAMBO I.

ROMÆ FVGIFERÆ DIC..
OVE sono i cavalli del Sole
criniti di furia e di fiamma?
le code prolisse
annodate con liste
5di porpora, l’ugne
adorne di lampi
su l’aride ariste?
Ove l’aie come circhi,
le trebbie come pugne,
10come atleti la rustica prole?
Ove sono i cavalli del Sole
disgiunti dal carro celeste?
Ove le sferze sonanti,
le rèdine lunghe sbandite,
15il tinnir dei metalli,
il brillar delle madide groppe?
Ove gli urli, ove i canti, ove i balli?
Ove la femmina bella
coperta di loppe e di reste
20come d’ori e di gemme?
Ove gli scherni, le risse,
le nude coltella,
il sangue che fuma e che bolle,


- 37 -