Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 141


I carnai diventano roghi. Non si consumano, non s’inceneriscono. Bruciano a lungo senza fiammeggiare, come la torba.

Rimango tutta la notte disteso contro un reticolato che sbarra la collina. Conto i cadaveri.

S’impigliano nei roveti di ferro, si serrano negli attorcigliamenti dei fili rotti, penzolano tra palo e palo come i ladroni male inchiodati alle croci, si torcono come le bestie incappate nei lacci.

Non hanno palpebre, non hanno labbra. Vedo gli occhi fissi e nudi; vedo i denti fissi e nudi.

Vedo il sangue colare giij pel legno e pel ferro, aggrumarsi, annerarsi, viscoso come la pania che impiastra le verghe.


Non c’è più rugiada, non c’è più alba sul mondo.