Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 notturno

pressa umida s’è disseccata e mi brucia. Il peso dal costato si spande per tutto il corpo irrigidito.

Prima di sprofondarmi nell’orrore delle trasformazioni, sento la mia bocca divenire di metallo nel respiro rallentato del sonno.

E la madre del re Lemuel dice: «Che, figliuol mio? che, figliuolo del ventre mio? e che, figliuolo dei miei voti?»

E la madre del re Lemuel dice: «Non dar la tua forza a ciò che è per distruggere i re.»