Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 159




Perché voglio guarire?

Non è ingiusta questa volontà di guarire? Davanti a chi mi può valere questo lungo tormento? davanti a chi mi può essere meritoria questa dura pazienza, per riacquistare quel che ho donato?

Se la mia carne consente, il mio spirito repugna. Il corpo è impigliato nell’inganno, l’anima è fortificata nella verità.

Non era se non un avvertimento e un risentimento dell’anima quella esitazione ch’io ebbi, la sera del ritorno, prima di obbedire alla sentenza del medico, prima di coricarmi e di lasciarmi inchiodare in questo buio travagliato dalla fiamma inferma.

Ero rimasto in piedi e avevo lim-