Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 notturno

pidamente sorriso. L’occhio è perduto? «Io ho quel che ho donato.»

Tale era l’attitudine, tale era la parola che conveniva alla natura dell’offerta e dell’offeritore.

Qualcuno nella stanza attigua legge non so che, ad alta voce. Ho inteso frusciare il foglio, ma non seguo le parole se non a tratti.

Ho il capo più basso dei piedi, i piedi congiunti, i gomiti contro i fianchi, la bocca aperta e arida, il cuore ambasciato. Comincio a intorpidirmi nel mio sudore penoso.

Odo il nome di Patria; e un gran brivido mi attraversa.

Odo di nuovo il nome di Patria; e il medesimo brivido mi passa per tutte le midolle.

Dal mio torpore, dal mio sudore, dal mio patimento, dal mio tedio,