Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
180 notturno

tue braccia che nel tuo sogno costante non cessarono mai di sostenermi!

Voglio tutto rivedere, voglio tutto riconoscere.

Dappertutto tu sei come l’aria e l’acqua. Fai buona ogni cosa. Fai semplice ogni cosa.

Il paese m’è come una iniziazione alla tua bontà.

Ogni impronta dell’uomo nella terra sembra riconsacrata: la dirittura della via, il limite del campo, la casa di loto e di canne.

Talora alle foci solitarie dei piccoli fiumi è una greggia che splende come la ghiara; e io guardo verso le montagne dove forse un’altra greggia s’abbevera alle sorgenti solitarie.

Un ampio greto discendendo dalle montagne è simile a un cammino di migrazione abbandonato, simile al tratture dei miei padri sterilito. E odo dentro di me camminare i pastori defunti e i grandi armenti morti.