Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 205


Poi la vedo partirsi a saetta, valicare i tetti, trafiggere l’azzurro.

La odo gridare di dolore, gridare al sole il mio dolore.