Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 notturno


Sono deluso, come un fanciullo a cui non sia tenuta una promessa.

Mi rimettono sul letto odioso.

Del cielo non rimane in me che il deserto di cenere.