Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 notturno

          E la danzatrice
          intorno gli danza
graduata e fluida come l’acqua che versano gli orci salendo e scendendo per la ruota della nòria a irrigare il giardino.