Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/277

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 265




È venuto Guido Po. Pareva che avesse tuttora dietro di sé i filoni della grande scìa.

E venuto da Chioggia con la sua torpediniera, a una velocità di trenta miglia. Aveva al traverso il mare lungo di scirocco. La silurante su scitava una schiuma mille volte piii splendida di quella da cui nacque la Voluttà dei mortali e degli immortali. Dal vertice, al tagliamare nel centro della prodiera, nasceva in ogni attimo qualcosa di più bello e di più giovine: un cuore d’eroe marino.


«Quattro, tre, zero!»

Chi ha parlato ne! portavoce?

Riconosco l’accento toscano di Piero Orsini.

«A dritta un po’! Uno, zero, zero.»