Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 303

lo sguardo. Mi beve. Beve da me una pietà che gli torna dall’altare della chiesa dove fu battezzato e cresimato.

Mia madre per la mia bocca gli parla come gli parlava sua madre.

E il più lieve dei suoi sorrisi infantili appare all’estremità del suo strazio.