Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 notturno

stente m’incrudelisce il supplizio, tra imagini liquide e fredde: aloscia.

Credo che fosse una bevanda estiva di limone, di miele e di spezie.