Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 313


O selva dell’Estremo Occidental O foresta delle piaghe opime I O esilio della mia virtù lacrimata come la rèsina!


Cavalco attraverso le pinete già arse.

Vo errando per le giovani pinete senza avvenire, sacrificate come i fanciulli di prima scelta nel bronzo arroventato dell’idolo.

Il terreno è caldo e qua e là fiimido, nerastro, striato di cenere bianchiccia.

I pini sono foschi, avvampati fino alla cima, senza aghi, con ì soli rami nudi; ma tutti in piedi come ì martiri invitti.

Qualcuno è incarbonito; e il fuoco lavora tuttavia nel tronco mozzo, cerca le radici, mangia sotterra.

Qualcuno ha la sua nerezza coperta da lievi falde di cenere per tutto il fusto scabro.