Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/327

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notturno 315


Vedo nel cielo muto alzarsi la lunga tromba esile che ondeggia.

M’incanta.

Volgo verso quella il cavallo per osservarla da vicino.

Come mi accosto, si dilegua.

E un’altra sorge più lontano.

E m’incanta.

E m’accosto. E svanisce.

E un’altra sorge ancor più lontano; e un’altra ancóra; e ancóra un’altra.

Vacillano taciturne per l’aria ardente; accennano; si disciolgono, si disperdono.

Sono come le larve degli olocausti.


Varco i fossi; trapasso le larghe vie sabbiose, chiamate guardafuochi nella Landa, che non valsero a preservare le selve contigue. La sabbia v’è mescolata di cenerume e di carbonella trita.

Sotto una frana un groppo di ra-