Pagina:D'Ayala - Dizionario militare francese italiano.djvu/363

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 MIL — 359 — MON 
le in Italia Pietro Giambattista e Bernardo Petrigna istituirono nel 1618 quest'ordine il quale venne approvato da papa Paolo V. I cavalieri giuravano di difendere la religione cristiana far la guerra a’ Turchi , e cooperarsi all' esaltazione della Chiesa. La croce era come se fosse composta di quattro gigli in ismalto verde con iscudo azzurro, in mezzo al quale era il monogramma di Maria: il motto era in hoc.

WASA. Wasa. Il quale ordine fu istituito da

Gustavo III addì 26 maggio 1772 , nel quale giorno avvenne la sua incoronazione. E tolse questo nome, perocchò tradotto dallo svedese significa covone , così denominandosi l’antica famiglia da cui trasse origine il primo de‘ Gustavi , il quale ascese al trono nel 1523. Tre classi compongono l’ordine; cavalieri di gran croce, al numero di sei; commendatori , i quali non sono che otto ; e cavalieri , il cui numero è cinquanta , comechè non vi si contino i forestieri. Bene si può appartenere alla prima senza essere stato cavaliere di terza classe, anzi questo avviene il più comunemente. La decorazione è una medaglia con entro un covone, la quale portasi a fascia da' gran croci, al collo da’ commendatori e da‘ cavalieri , nè v’è altra di-
stinzione che il ricamo figurato portato a sinistra da’ primi : il nastro è verde.

WLADIMIR. Valdimiro. L‘ imperatrice delle Russie Caterina II, per premiare il merito in qualunque ramo si fosse , fondava questa cavalleresca istituzione nel giorno 12 settembre 1782, anniversario della sua incoronazione. E volle così celebrar la memoria di Vladimiro il grande, il quale introdusse in quegli stati la cristiana religione ed ebbesi però il sepraunome di simile agli Apostoli. Vi si annumerano quattro classi di cavalieri , nè vi è obbligo di passar sempre dall’ ultima. Durante il regnare dell'imperatore Paolo I non fu ad alcuno conceduto quest’ ordine , ma l’imperatore Alessandro I lo rimise insieme a quello di San Giorgio, facendone vieppiù ampii gli statuti. Chiunque con pericolo della propria vita salva dalle acque ovvero dalle fiamme ben dieci persone , acquista l' ordine di San Vladimiro. La decorazione è questa: croce patente , smaltata di rosso , orlata di nero , e caricata di uno scudo con entro la lettera W. Con nastro rosso a lembo nero viene portata ad armacollo o sospesa al collo ovvero all’ occhiello. I cavalieri di seconda e terza classe si distinguono dacchè i primi hanno a sinistra la stella dell‘ ordine in ricamo.