Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 ettore fieramosca

simo fendente che lo piegò sul collo al cavallo, e quando gli spettatori aspettavano che si rizzasse, invece venne a terra stordito e dai suoi scudieri fu portato fuor dall’arena. Bajardo uscì anch’esso salutando il balcone di D. Elvira fra gli evviva di tutto l’anfiteatro ed i suoni che celebravano la sua vittoria. Dovette però tornar tosto indietro e combattere Azevedo, che, fattosi avanti, s’offeriva fornire la sfida in luogo del suo compagno. La zuffa durò più a lungo e con varia fortuna: pure fu giudicato averne la meglio il cavaliere francese.

Presso all’entrata, fuori dell’anfiteatro erasi accomodato un luogo chiuso da uno steccato ove potessero i cavalieri che volevan combattere, tenervi i cavalli, i famigli ed armarsi. Consalvo avea provveduto che vi trovassero quanto era loro mestieri. V’eran più tavole per deporvi le armi, un fabbro con una fucinetta portatile, se mai si fosse dovuto racconciare qualche parte d’arnese, e finalmente una credenza fornita di vivande e di vini. A Brancaleone era dato il carico di badare che nulla mancasse, e fossero prestati que’ servigi che occorrevano.

Mentre egli attendeva a questa bisogna, Grajano di Asti da lui conosciuto per averlo visto quando con Fieramosca portò il cartello al campo francese, giunse con due scudieri che recavan l’arme, e conducevano il suo caval da battaglia. Brancaleone che, secondo l’usanza sua, avea sino a quel punto parlato pochissimo, si fece incontro a Grajano, e l’accolse con più parole e meglio che non soleva; e chi l’avesse avuto in pratica, vedendo i suoi modi in quest’occasione, avrebbe conosciuto che qualche occulto fine lo moveva a cercar d’affiatarsi con costui; in fatti aveva un fine, e d’importanza, come si vedrà a suo luogo.

Dopo le prime accoglienze e proferte di servigi, e dopo averlo accomodato di quanto poteva occorrergli,