Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xiv. 199

raccogli; e s’allontanò zufolando come fosse stato solo per istrada e non in mezzo a tal compagnia.

I doni però di Consalvo non erano soltanto destinati alle donne; aveva pensato anche ai suoi ospiti francesi; ed al duca di Nemours, non meno che a’ suoi baroni, toccarono di ricchi presenti d’anella, di lavori d’oro per portare sulla berretta ed altre coserelle. La sontuosità che il Capitano di Spagna spiegava in questo convito non era senza cagione; voleva mostrare ai Francesi che non solo non gli mancava cosa veruna per provvedere le sue genti, ma che gliene avanzava tanto da poterne usar cortesia.

Il giuoco delle colombe era finito, ed ognuno, ritrovato il suo posto, si stava preparando ai brindisi che si vedevano poco lontani.

Il duca di Nemours, seguendo l’uso di Francia, si rizzò, prese il bicchiere, e volgendosi a D. Elvira, la pregò volesse tenerlo d’allora in poi per suo cavaliere, salva l’ubbidienza del Re Cristianissimo. La donzella accettò e rispose cortesemente; e dopo molti altri brindisi parve tempo a Consalvo d’alzarsi, e seguìto da tutti i convitati uscì su una loggia che guardava la marina, ove spesero in ragionamenti le ore che ancor mancavano al finir di quella giornata.

La maggior parte di questo tempo D. Elvira e Fieramosca lo passarono insieme. Pareva che la giovane non sapesse star un momento discosta da lui: se egli si allontanava, mescolandosi al resto della brigata e fermandosi in qualche crocchio, essa dopo pochi minuti gli si trovava accanto. Ettore, troppo sagace per non avvedersi di questa preferenza, per un giusto sentimento d’onestà non voleva fomentarla, sapendo che non poteva aver lodevol fine, ma legato dalla sua natura e dal dovere di Consalvo non poteva mostrarsi scortese. Molti s’avvidero di questo giuoco, e ne bisbigliavan tra loro sogghignando. Fanfulla che ancor si sentiva